Dall’incontro con gli allievi della classe 2C della Scuola Secondaria Di Primo Grado di Galatina- Polo 2 è emerso che la prevenzione primaria debba dipendere necessariamente dall’Informazione, dall’utilizzo di regole e da un maggiore senso di responsabilità oltre che aiutarci nel formulare delle strategie per difenderci dai pericoli: dall’abuso degli smartphone alla fabbriche che creano inquinamento, dall’abbattimento indiscriminato degli alberi all’inquinamento del mare. C’è chi ipotizza, però, che il modo di vivere possa cambiare, anche perché non è accettabile che i pesci mangino la plastica e che questa rientri nel ciclo alimentare. Qualcun altro, invece, propone una sorta di utilizza comunitario di uno strumento di comunicazione tipo telefono, e sarà la stessa comunità ad accordarsi su come, quando e quanto utilizzarlo.
Per ridurre le new-addictions (abuso di cellulari, social network e videogiochi), c’è chi farebbe riferimento al passato: tornare a giocare per strada.

Psicologa Lilt: Anna Lucia Rapanà

0 0 vote
Article Rating